Tesan: “Grande segno di fiducia da parte di lavoratrici e lavoratori”
La Uilm vince le elezioni per il rinnovo delle Rsu ed Rls alla Jacuzzi Europe Spa, storico stabilimento del famoso marchio, leader nella produzione e commercializzazione di mini-piscine e idromassaggi.
Questo è un segnale di chiaro cambiamento, sottolinea Ezio Tesan coordinatore Uilm del Friuli Venezia Giulia, poiché la lista di metalmeccanici della Uil, composta da Lisa Anna Maria Piccoli e Diego Gregoris, è stata la più votata dalle lavoratrici e dai lavoratori, raccogliendo il 51% delle preferenze nel seggio Rsu, e oltre il 48% nel seggio riservato ai Rappresentanti dei lavoratori per la Sicurezza. Per cui la lista della Uilm elegge un Rsu e l’Rls.
“Viviamo questo momento con un grande senso di responsabilità, per noi è un punto di partenza e non un arrivo- sottolinea Tesan-. Da oggi anche la Uilm, ha i propri rappresentanti all’interno di Jacuzzi e darà il proprio contributo affinché si possa raggiungere il benessere collettivo”.
Jacuzzi è un’azienda storica del territorio regionale che durante la sua vita ha avuto fasi altalenanti anche molto difficili. Oggi grazie agli impegni ed agli investimenti realizzati, si trova in una fase favorevole di ripresa, e l’obiettivo della Uilm è che questa condizione venga consolidata.
“Vogliamo costruire un modello di relazioni sindacali moderno, più partecipativo- prosegue Tesan-, che guardi a migliorare le condizioni di lavoro dei lavoratori tutti e che crei le condizioni per rendere attrattivi ulteriori investimenti sullo stabilimento Jacuzzi di Valvasone Arzene. Molte sono le preoccupazioni per il futuro- aggiunge il segretario dei metalmeccanici-: la difficoltà di reperimento delle materie prime e componenti, assieme all’incremento dei costi energetici è una delle incognite che dovranno essere oggetto di monitoraggio costante. In questo particolare momento storico è necessario mettere in atto tutte le sinergie che creino condizioni di stabilità e crescita che permetteranno di salvaguardare mercato, reddito e occupazione. Questi gli obiettivi della Uilm”, conclude Tesan.