SLC – CGIL FISTel – CISL UILCOM – UIL

Sindacato Lavoratori Comunicazione, Federazione Informazione Spettacolo e Telecomunicazioni, Unione Italiana Lavoratori della Comunicazione

Comunicato stampa rinnovo CCNL TLC

Dopo una serrata trattativa e? stato firmato nel tardo pomeriggio di oggi il rinnovo del CCNL delle TLC. Un Contratto importante, che rappresenta circa 120.000 lavoratrici e lavoratori e che regola l’attivita? di un settore strategico per lo sviluppo del Paese e per la gestione dei processi di digitalizzazione. L’Accordo ha riguardato sia la parte normativa, che vede un deciso rafforzamento delle tutele dei lavoratori e dei diritti delle persone, che quella economica, che con un aumento medio di 100€ assicura un adeguato livello di redistribuzione della produttivita? del settore.
Viene stabilita la creazione di un Fondo di Solidarieta? bilaterale di settore attraverso il quale si potranno finalmente gestire i processi di riqualificazione e di ammodernamento delle competenze, accompagnando ed integrando i nuovi strumenti di politica attiva del lavoro garantendo la maggior occupabilita? possibile.
Il CCNL scommette ancora sulla unicita? della filiera e sulla tenuta complessiva di un settore composito che vede, soprattutto negli appalti di call center e di rete, gli elementi di maggiore complessita? che occorre portare sempre di piu? ad un livello di industrializzazione tale da permettere di tutelare persone e lavoro.
Quello delle TLC e? ormai un settore “di frontiera” nel quale si stanno concentrando tutti i cambiamenti organizzativi legati ai processi di digitalizzazione esasperati peraltro dall’attuale crisi pandemica. Con questo CCNL le parti hanno provato a fornire uno strumento che sappia regolare i processi di remotizzazione del lavoro, nonche? un adeguamento normativo a tutela delle lavoratrici e dei lavoratori in termini di welfare. Processi che cambieranno sempre piu? il rapporto fra persone, luoghi e tempi di lavoro. Questi cambiamenti potranno davvero essere una opportunita? per tutti se opportunamente governati e condivisi. La fase drammatica che attraversa il Paese non ha impedito alle parti di trovare il coraggio di fornire al settore uno strumento moderno di gestione dei processi.
Ora la parola passa alle lavoratrici ed ai lavoratori; nelle prossime settimane verranno organizzate consultazioni capillari sia in presenza che in remoto al fine di raccoglierne le opinioni e, soprattutto, registrarne il voto.

Roma, 12 novembre 2020

Affiliazione ad
UNI
Union Network International